Vespe e calabroni: come tenerli a distanza di sicurezza

Da questo momento in avanti la stagione delle vespe e dei calabroni è entrata nel vivo. Tetti, balconi e terrazzi vengono spesso scelti da questi insetti come luogo per costruire le loro tane. Ecco cosa fare, dunque, per tenerli lontani dalle nostre case.

I nidi non sono difficili da riconoscere ma quando vespe e calabroni incominciano a costruirli possono essere così piccoli da non essere notati. Generalmente la costruzione del nido comincia tra marzo e aprile quando l’insetto, uscito dal letargo, deve deporre le prime uova e attendere che si schiudano. Col passare del tempo le dimensioni del nido aumentano per poter ospitare un numero maggiore di insetti che può arrivare, a seconda della specie, a contare anche 20 mila unità nel caso delle vespe e circa 300 nel caso dei calabroni. Prevenire in assoluto la formazione di questi nidi è complicato, ma è possibile aguzzare la vista e intervenire velocemente appena ci si accorge dei primi segnali di nidificazione. Quest’operazione dev’essere fatta sempre con la massima attenzione, perché vespe e calabroni hanno uno spiccato spirito genitoriale e faranno di tutto per difendere la loro colonia e i cuccioli che stanno crescendo.

Fino a settembre compreso, come ogni anno, vivremo il picco stagionale, in cui bisogna fare ben attenzione ad intervenire: gli incidenti collegati al fai da te come le cadute dall’alto, gli attacchi da parte di sciami o di singoli esemplari di vespe o calabroni sono dietro l’angolo.

In particolare, è pericoloso affrontare autonomamente il calabrone, che fa il nido in una posizione chiusa, perché non si può sapere con precisione quanti esemplari ci troveremmo a scomodare cercando di togliere la tana. La sola idea di essere punti da UN calabrone dovrebbe far passare la voglia di arrangiarsi: una puntura di calabrone è pari a 7 di vespa tutte insieme, sia in termini di intensità di dolore che di quantità tossica di sostanza inoculata.

Uno degli interventi che più spesso realizziamo quando effettuiamo un intervento di disinfestazione di vespe e calabroni è un’ispezione ai camini sui i tetti delle case, che sono i posti preferiti da questi insetti per creare il loro nido. Una volta riscontrata la loro presenza, consigliamo l’installazione di un sistema anti-intrusione in modo che non si ripresenti il problema di nuovo. Anche in questo caso dobbiamo sottolineare che l’operazione deve essere fatta da un professionista, che garantirà che la rete sia allo stesso tempo efficace nel bloccare gli insetti quanto nell’evitare alla fuliggine di bloccarsi quando si mette in funzione il camino d’inverno creando seri rischi di incendio.

In chiusura, lasciamo con un consiglio che, questa volta sì, non richiede il nostro intervento:. Le vespe e i calabroni, come tutti gli insetti volanti, temono l’aria e il vento. Quindi se vuoi liberartene per un certo periodo, puoi accendere un ventilatore e sarai sicuro che vivrai senza vespe (ma anche senza mosche e senza zanzare) fintantoché rimarrà acceso.

Per tutto il resto chiama Kaptura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *