Infestazioni di vespe in autunno inoltrato? Ebbene sì!

Che il 2020 fosse un anno “balordo” ormai non ci sono dubbi, d’altronde è bisesto e si è dimostrato funesto quanto basta.

Ma trovarci alla vigilia dell’inverno e ormai del Natale ancora al lavoro per le infestazioni da vespe è davvero cosa insolita. Ebbene sì! Solitamente questo insetto è attivo solo nel periodo primavera/estate interessando anche l’autunno fino al crollo della temperatura, ma quest’anno sembra che questi insetti non patiscano il freddo. Stiamo infatti ricevendo numerose chiamate per effettuare disinfestazioni da vespe!

Normalmente, durante la stagione autunnale le infestazioni si riducono fino a scomparire. Alcuni esemplari, i più giovani e forti, se trovano un posticino dove svernare se ne stanno buoni buoni in letargo per ricominciare ad accoppiarsi e a deporre le uova in primavera e ricominciare il ciclo.

Ciò che ha cambiato lo status quo è una peculiare parte delle nostre case. Negli ultimi anni, infatti, le costruzioni ad uso abitativo sono costruite con il tetto ventilato, una particolare copertura che ha un’alta prestazione a livello di isolamento termico ma che strutturalmente presenta un’intercapedine tra il tetto ed il solaio che offre spazio di rifugio e nidificazione perfetto alle vespe, oltre che per ai roditori.

Le vespe, infatti, si infilano nei buchi della scossalina, forata per creare la ventilazione, che va chiudere questo spazio tra tetto e soffitto. Gli insetti hanno capito che infilandosi in un tetto ventilato hanno a disposizione uno spazio che d’inverno è mite e d’estate è fresco  ed è sempre al riparo dalle intemperie.

Il problema è di avere delle vere incursioni all’interno dell’abitazione. Le vespe infatti, colonizzando l’intercapedine tra tetto e soffitto, soprattutto quando questo è in travatura in legno, utilizzano le minime fessure strutturali per infilarsi ed entrare in casa nostra, beneficiando ancora di più del clima ottimale delle nostre stanze. Generalmente all’ultimo piano si trovano le camere dove, dormire con qualche esemplare di vespa (anche alcune decine) che svolazza sopra la nostra testa, non è proprio rilassante.

Vi abbiamo già parlato molte volte di come tenere le vespe lontano dalle nostre abitazioni e di quanto sia importante intervenire prontamente appena se ne riscontra la presenza, e ciò vale più che mai per questa nuova problematica “fuori stagione”. Ora che sapete che i tetti ventilati offrono il rifugio ideale per la sopravvivenza durante la stagione fredda delle vespe, fate un piccolo check ricordandovi sempre cosa fare e non fare con questi insetti. Se ne riscontrate la presenza non esitate a contattarci! Anche a Natale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *